©2019 by ROBERTI SIndaco. Proudly created with Wix.com

Una città che migliora

AMBIENTE

Intendiamo lavorare per un Comune ambientalmente sostenibile grazie a:

  • Buone pratiche che possano far diventare Termoli una città ecologicamente sostenibile: raccolta differenziata efficiente, prevedendo funzionali isole ecologiche in tutti i quartieri, ma anche bassi consumi energetici di acqua ed energia elettrica, densità di verde urbano,

fonti rinnovabili, guardie ambientali, ecc;

  • Implementazione Monitoraggio Ambientale;

  • Valorizzazione del Paesaggio;

  • Riorganizzazione Gestione di Raccolta e Smaltimento dei Rifiuti solidi Urbani, con una premialità per i cittadini virtuosi;

  • Riqualificazione delle aree verdi per una città a misura di bambino e, quindi di famiglia; Bioedilizia;

  • Riqualificazione degli spazi pubblici vincolando parte dei fondi degli oneri di urbanizzazione per l’ordine, la pulizia e il decoro.

URBANISTICA E TERRITORIO

La parola d’ordine in campo urbanistico è: approvazione Piano Regolatore perché in assenza di esso, negli ultimi anni vi è stato un abuso delle riclassificazioni e “sfregio” del territorio utilizzando anche la cosiddetta legge della casa.

Intendiamo:

  • Lavorare per reintegrare i quartieri in un unico tessuto urbano, migliorare le condizioni del territorio attraverso la riqualificazione delle aree dismesse e la riorganizzazione dello spazio. È necessario ricomporre le lacerazioni del territorio con validi interventi di recupero urbano, privilegiando la riqualificazione ed il completamento del tessuto urbano esistente. Elaborare per ogni quartiere un piano di riqualificazione che preveda la valorizzazione del territorio e di conseguenza l’adozione del nuovo piano regolatore generale;

  • La struttura urbanistica deve riconnettere e riunificare i vari quartieri garantendo la realizzazione di aree di verde attrezzato e servizi;

  • Attuare la Convenzione Europea del Paesaggio coinvolgendo l’intero territorio della costa;

  • Elaborare per i il centro e per i due lungomari un piano di riqualificazione che consenta di ricucire le due aree intorno al centro storico;

  • Impostare da subito un piano per la manutenzione straordinaria delle abitazioni esistenti con incentivazione del Comune, iniziando dal centro e poi estendendolo in tutti i quartieri;

  • Deliberare gli affitti a canone concordato;

  • Fondamentale è portare ad un tavolo di decisioni concrete l’Azienda Ferroviaria per impedire lo scempio delle barriere, per ricordare e costringerla a mantenere gli impegni già presi per eliminare gli elettrodotti, la sottostazione elettrica e trovare una soluzione condivisa per il raddoppio del binario con l’ipotesi di copertura dell’area ferroviaria.

LAVORI PUBBLICI E TRASPORTO

Intendiamo:

  • Risolvere da subito il problema del depuratore;

  • Individuare da subito l’area del nuovo cimitero urbano;

  • Approvare il Piano Generale del traffico e dei parcheggi

  • Lavorare per migliorare il decoro urbano della Città con interventi di riqualificazione;

  • Portare avanti le opere di urbanizzazione;

  • Riqualificare ed ampliare il parco comunale “Girolamo Lapenna” con la realizzazione di un Orto Botanico e del Percorso dei Parchi;

  • Creare l’Ente Porto con la finalità di individuare e realizzare gli interventi necessari a servizio e per lo sviluppo della portualità, sostenendo e potenziando i trasporti marittimi con la Croazia e gli altri Paesi della costa adriatica;

  • Sistemare tutta la viabilità cittadina per la sicurezza di tutti;

  • Valorizzare e non svendere il patrimonio comunale;

  • Realizzare il “Parco Jacovitti”;

  • Potenziare o e razionalizzare del trasporto urbano con mezzi elettrici;

  • Favorire la realizzazione della pista ciclabile della costa adriatica;

  • Creare aree attrezzate per i cani in varie zone della Città.

IL CENTRO URBANO

Il centro è stato da sempre la guida pulsante della città, il luogo degli incontri e del passeggio. Ora non è più così.
Dobbiamo ridare dignità al Centro favorendo le iniziative che possono portare vita ed economia in una realtà fondamentale di Termoli.
Impegno immediato è di riaprire le strade chiuse al traffico (vedi C.so Umberto), per poi elaborare un piano serio e concreto per la sosta e il parcheggio, coinvolgendo immediatamente Azienda Ferroviaria e la Regione Molise.
Il Centro deve vivere e chiameremo tutti gli operatori della zona ad iniziative condivise e sinergiche per rilanciare le attività e invogliare i cittadini e i turisti a tornare nel Centro.
In questa ottica rivisiteremo i progetti esistenti con un piano generale di riqualificazione, che consenta la realizzazione di nuovi parcheggi (per esempio quello Sant’Antonio) chiamando i cittadini al referendum, pur essendo contrari alla realizzazione del tunnel.